bocalon salernitana

Termina in parità il posticipo della seconda giornata del torneo di serie B. Una Ternana mai doma blocca sul 3-3 la Salernitana, approfittando dei numerosi errori della retroguardia granata.

La gara dell’Arechi è un’altalena di emozioni che infiammano gli oltre 11mila cuori granata e trasformano in un catino ribollente di passione l’impianto di via Allende. Parte a mille la Salernitana – riconfermata per dieci/undicesimi da Bollini rispetto alla trasferta di Venezia -, spinta dalle folate di Sprocati e Gatto che mandano in tilt la retroguardia umbra. Ma la brillantezza del reparto offensivo del cavalluccio marino fa il paio con le amnesie della difesa che, alla prima, vera occasione, si lascia infilare da Tremolada (23’).

La reazione dei granata è rabbiosa e istintiva: Gatto (25’) semina il panico sull’out di destra, Sprocati calcia a volo verso la porta ma sulla traiettoria s’inserisce Bocalon che, da vero rapace d’area di rigore fa 1-1. Il pari, però, non cambia la storia del match. La Salernitana prova a sfruttare la velocità dei suoi esterni, la Ternana contiene le sfuriate offensive e, approfittando degli errori della difesa granata, trova nuovamente il vantaggio con un colpo di testa di Albadoro (31’).

Un film che va in scena fino a inizio ripresa quando Bollini prova a cambiare qualcosa in avanti: Rossi prende il posto di Gatto e la mossa regala subito il pari. È ancora Bocalon (3’) a far secco Bleve con una conclusione chirurgica dal limite. Riagguantato il risultato la Salernitana spinge a mille nel tentativo di ribaltare il punteggio. Gli ospiti, però, non rinunciano a giocare e al 12’ trovano nuovamente il vantaggio: Bernardini, nel tentativo di allontanare un cross di Varone devia la palla alle spalle di Radunovic. I granata sono bravi a non accusare il colpo e si riversano nella metà campo avversaria. Ma la porta dei rossoverdi sembra stregata. Sprocati (31’) ci prova con una conclusione a giro che, deviata da Bleve, si stampa sulla traversa. Sugli sviluppi del corner successivo arriva l’episodio decisivo: Paolucci colpisce di mano un colpo di testa, l’arbitro se ne accorge e concede il rigore. Dal dischetto va Vitale che fa 3-3, evitando alla Salernitana il primo ko interno e regalando ai granata il secondo punto in campionato.

SALERNITANA-TERNANA 3-3 

SALERNITANA (4-3-3): Radunovic, Pucino, Bernardini, Tuia, Vitale; Ricci, Della Rocca (17’ st Odjer), Minala; Gatto (1’ st Rossi), Bocalon (36’ st Rodriguez), Sprocati.

A disp.: Adamonis, Perico, Mantovani, Asmah, Signorelli, Zito, Kadi, Alex, Iliadis. All.: Bollini

TERNANA (4-3-1-2): Bleve; Valjent, Gasparetto, Marino, Favalli (25’ st Ferretti); Paolucci, Defendi; Finotto(5’ st Varone), Tremolada (14’ st Vitiello), Tiscione; Albadoro.

A disp.: Sala, Angiulli, Candellone, Taurino, Carretta, Bordin, Capitani, Franchini, Montalto. All.: Pocheschi

ARBITRO: Ros di Pordenone

Assistenti: Fiore di Barletta e Pagliarini di Arezzo

IV uomo: Balice di Termoli

RETI: 23’ pt Tremolada (T), 25’ pt, 4’ st Bocalon (S), 31’ pt Albadoro (T), 13’ st aut Bernardini (T), 33’ st rig. Vitale (S).

NOTE. Spettatori 11579. Ammoniti: Favalli, Gasparetto, Valjent, Ferretti (T). Angoli: 3-3. Recupero: 0’ pt- 4’ st.

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *