di STEFANO MASUCCI 

Adamonis 7,5. Alle volte, il destino. Il migliore in campo nello zero a zero con l’Ascoli, è il portiere lituano, che all’esordio in Serie B sostituisce nel migliore dei modi l’assente Radunovic. Praticamente perfetto, prima sul rigore di Rosseti, poi sulla punizione velenosa di Buzzegoli. Giornata da ricordare.

Mantovani 6,5. Prestazione pulita e ordinata, nel primo tempo si rende protagonista di una grande chiusura in diagonale. Sbaglia poco e nulla.

Schiavi 6,5. Pure lui sciorina una prestazione di sicurezza. Ci mette come sempre molta fisicità, bene sulle palle alte.

Vitale 5,5. Ancora una volta centrale difensivo adattato, conferma di non trovarsi a suo agio. Soffre quando viene puntato, riceve un giallo, non può spingere mai.

Di Roberto 5. Esordio con più ombre che luci, si fa notare solo quando con una bella finta si libera di due avversari. Cala alla distanza,e quando Bollini lo richiama in panca, l’ex Crotone gli nega la stretta di mano (10’st Ricci 5. Forse non è al meglio della condizione, ma il passo è troppo lento. Male anche in fase di costruzione).

Minala 5,5. In difficoltà quando l’Ascoli riparte, non riesce a fare filtro davanti alla difesa come al solito. Rischia pure con un paio di interventi al limite.

Odjer 5,5. Alterna cose buone ad altre meno buone. Non è esterno, e quando scala sulla fascia, commette diversi errori di posizione.

Zito 4,5. Malissimo. Se a Parma era cresciuto con il passare dei minuti, con l’Ascoli l’ex Avellino non ne indovina una. Causa il rigore con un fallo di mano, sbaglia una miriade di palloni, non salta mai l’uomo. Disastroso (43’st Alex sv).

Sprocati 6. Una buona occasione fallita nel primo tempo, poi si spegne. Nella ripresa sfiora la rete con uno splendido tiro a giro. Pur senza brillare dà sempre la sensazione di poter accendere la luce in casa granata.

Bocalon 5,5. Inizialmente più nel vivo del gioco rispetto al solito, trova una rete annullata per fuorigioco. Nella ripresa spara in bocca a Lanni da due passi (25’st Cicerelli 5,5. Un buono spunto in area di rigore, pecca di egoismo ignorando i compagni liberi al centro)

Rodriguez 6. Due reti annullate per fuorigioco, tanta sostanza in fase di manovra. Al netto degli errori, qualcosa la dà sempre la punta spagnola.

All. Alberto Bollini 5,5. La squadra ha limiti palesi nella costruzione del gioco. Pur a cospetto di un avversario non irresistibile, la Salernitana trova il sesto pareggio in otto gare. L’alibi dell’ermergenza regge a metà.

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *