Concorso in rapina, estorsione ed atti persecutori. Sono le ipotesi di reato per cui, stamane, i carabinieri del Reparto Territoriale di Nocera Inferiore, supportati da quelli della Compagnia di Castellammare di Stabia, hanno dato esecuzione a un’ordinanza applicativa di misura cautelare personale emessa dal gip del Tribunale di Nocera Inferiore a carico di 3 indagati, due uomini ed una donna, tutti gravati da precedenti di polizia e residenti a Sant’Egidio del Monte Albino, Sant’Antonio Abate e Lettere.

Il provvedimento scaturisce dalle risultanze di un’attività investigativa, coordinata dalla Procura di Nocera Inferiore e condotta dai carabinieri della stazione di Nocera Superiore. Le indagini sono state avviate a giugno 2017 in seguito a una denuncia di rapina sporta da un 46enne originario della provincia partenopea. In quella sede l’uomo aveva riferito ai militari di essere stato avvicinato da tre individui i quali, dopo averlo fatto accostare e percosso, gli avevano sottratto il proprio autoveicolo.

Gli accertamenti hanno consentito d’identificare i tre presunti autori nonché di ricostruire la dinamica dei fatti. La donna, dopo aver interrotto una relazione sentimentale con la vittima, aveva indebitamente preteso che questi le consegnasse una somma di denaro prossima ai duemila euro. Per questo, stando alla ricostruzione effettuata dai carabinieri, avrebbe posto in essere, in concorso con gli altri due indagati, atti persecutori nei confronti dell’uomo. Tali condotte, materializzatesi in ripetuti pedinamenti, minacce e percosse, si erano tramutate in vere e proprie rapine nei mesi di maggio e giugno 2017, quando alla vittima erano stati sottratti il telefono cellulare e l’autoveicolo. Espletate le formalità di rito, gli arrestati sono stati sottoposti agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni di residenza.

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *