Sfottò e goliardia nel derby emiliano andato in scena ieri pomeriggio allo stadio Dall’Ara di Bologna, tra i rossoblù di Donadoni e la Spal. Dopo 15 anni, infatti, le due compagini emiliane sono tornate a sfidarsi (l’ultima volta fu in serie C, nel 1995, mentre in massima serie il derby mancava da ben 49 anni) ed è stato uno spettacolo di tifo e passione.

I cinquemila tifosi della Spal accorsi a Bologna sono stati accolti dalla curva di casa con lo striscione “Benvenuta in serie A…Giacomense”. Con questo sfottò, gli ultras della Curva Nord Andrea Costa hanno “ricordato” ai rivali di Ferrara la fusione che avvenne nel luglio 2013, tra la Giacomense (squadra di Masi Torello, frazione in provincia di Ferrara) e la gloriosa Società Polisportiva Ars et Labor. Nell’estate di quattro anni fa, infatti, la famiglia Colombarini, proprietaria della Giacomense, trasferì struttura societaria, staff tecnico e giocatori nello storico club ferrarese.

E fu proprio la fusione che permise alla Spal di tornare tra i professionisti, dopo aver disputato la serie D con la nuova denominazione di Real Spal. Nell’estate 2012, dopo la retrocessione ai play-out contro il Pavia, la blasonata compagine emiliana andò incontro al fallimento per dissesto finanziario, e fu costretta a ricominciare dal dilettantismo, prima appunto della fusione con il club della frazione Masi Torello. I bolognesi hanno voluto stuzzicare con ironia i supporters biancazzurri ed hanno a più riprese intonato il coro “Salutate la Giacomense”, al quale gli spallini hanno risposto con i fischi.

Fonte Foto: Sportpeople

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *