Di NICOLA LANZILLI

“Io non tifo per gli squadroni ma tifo te!”. Non avrà scritto lui il celebre coro urlato a squarciagola dalla Curva Sud Sberiano ma sicuramente ne condivide il contenuto. Vittorio Tosto, tre stagioni e mezzo vissute con la maglia della Salernitana, tempo fa ha scelto di tifare per lei. Non per il suo blasone, magari inferiore ad altre squadre nelle quali ha militato, ma per le emozioni che la sua tifoseria e una città intera ha saputo regalargli negli anni. Un amore quello tra Tosto e il cavalluccio granata nato nel 1993, quando dalla Fiorentina di Ranieri viene ceduto in prestito proprio alla Salernitana, e consolidato nel 1996, anno del suo ritorno in granata. Un sentimento ormai radicato e incancellabile. Nel mezzo due promozioni, prima dalla C1 alla B (1993-94) e poi dalla B alla A 1997-98), macchiata da una tragica, quanto immeritata, retrocessione appena un anno dopo. Ma l’amore, decisamente corrisposto, tra lo storico numero 3 granata e la città di Salerno va oltre i risultati sportivi. Ieri la Salernitana ha battuto 3 a 2 in rimonta l’Avellino, al termine di una partita che è già storia. Come quel “Minala al 96‘” che riecheggerà nella testa dei tifosi salernitani per tutta la vita. E proprio in un’occasione così particolare che Vittorio Tosto ha voluto ribadire il suo amore per quel granata indossato più di 100 volte e diventato la sua seconda pelle. Con un post su Facebook, infatti, l’ex terzino, tra l’altro anche dei “cugini” avellinesi, ha ribadito di aver scelto lei tra tante, la Salernitana. Come una donna da amare per la vita.

IL POST

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *