Rosina Salernitana

di SABATO ROMEO

Nemmeno il tempo di rifiatare che in casa Salernitana è già tempo di pensare al Novara. Il calendario tiranno presenta subito dopo il pari con rimpianti con il Frosinone una nuova chance per volare in classifica. Una settimana di fuoco, che rischia di lasciare molte tossine nei muscoli dei calciatori in un momento già topico per le ambizioni granata.

Difesa di ferro

E allora per evitare infortuni ecco che per Bollini si presenta la chance di sfruttare l’ampia rosa a sua disposizione cercando di trovare l’assetto migliore. Quello che continuerà ad essere imperniato sul 3-4-3, ormai modulo predefinito del tecnico mantovano. Davanti a Radunovic, non ci sarà riposo per il trio Mantovani-Schiavi-Bernardini. Nonostante i tre gol in centottanta minuti il terzetto si è ben disimpegnato sia al “Partenio” che sabato scorso contro il tandem Ciofani-Ciano. Inoltre, l’infortunio di Tuia e le condizioni non ottimali di Perico non consentono ampi spazi di manovra.

Spazio al turnover?

Dalla cintola in sù invece Bollini può sbizzarrirsi: dalla squalifica ritornerà Minala mentre Odjer, a riposo con il Frosinone, sgomiterà con Signorelli, Ricci e il rientrante Della Rocca per l’altra maglia da titolare. Sulla destra Pucino ha più chance di Kiyine, mentre a sinistra Vitale dovrebbe essere riproposto nonostante la fatica accumulata (più dietro Zito e il giovanissimo Asmah). Davanti i dilemmi più grandi: Sprocati è l’arma in più ed è intoccabile. Accanto all’ex Pro Vercelli però non c’è certezza: Bocalon è apparso appannato e rischia il posto a discapito di Rossi. Per l’ultima maglia da titolare perde posizioni Rosina, non esaltante all’Arechi: al suo posto, visti i forfait di Di Roberto e Rodriguez, il duello è fra Gatto e Cicerelli. Più indietro il portoghese Alex. Tante idee, in attesa della rifinitura in programma domani mattina al “Volpe”.

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *