di STEFANO MASUCCI

Novara-Salernitana 2-3, ecco di seguito le pagelle granata:

Radunovic 5,5. Sbaglia l’uscita respingendo il pallone addosso a Vitale, regalando il gol dell’1-1 parziale. Anche nella ripresa rischia su una punizione.

Mantovani 6. Altra buona prestazione del giovane centrale, che controlla la sua zona senza particolari affanni. Un paio di chiusure ottime per tempismo e determinazione.

Bernardini 6. Mette la museruola a Macheda, che non la prende praticamente mai.

Vitale 5,5. È il meno positivo della retroguardi, anche perché è adattato. Prende il giallo con un brutto fallo sull’ex granata Ronaldo, diversi errori anche in fase di impostazione.

Pucino 6. Gara tutto sommata ordinata, ritrova il campo dopo diverse settimane. Le incursioni di Calderoni creano qualche apprensione.

Minala 6,5. Dopo la squalifica l’eroe del derby torna in mezzo al campo e si riscopre leader della squadra. Tanta sostanza, più un paio di tentativi apprezzabili dalla distanza. Sciocco il giallo per protesta a gara finita.

Ricci 6,5. Tanto palleggio in mezzo al campo, anche più personalità rispetto alle ultime uscite. Cala come tutta la squadra dopo il primo vantaggio, ma viene fuori nella ripresa.

Alex 6. Viene schierato da esterno di centrocampo, la sua principale preoccupazione è di eseguire i dettami del tecnico (37’st Kiyine 5,5. Perde ingenuamente il pallone dal quale nasce il 2-3).

Sprocati 7,5. Pronti e via e spara in curva un tap-in a porta vuota. Dire che si rifà con gli interessi è estremamente riduttivo. Prima l’assist al bacio per Gatto, poi la doppietta spaccapartita nella ripresa. Il migliore. Ancora una volta (29’st Rosina 5,5. Tocca pochissimi palloni).

Rossi 6,5. In avvio una buona girata, poi spreca con egoismo un potenziale contropiede letale. Nella ripresa però si scatena con la discesa dell’1-3. Vale quasi come un gol.

Gatto 7,5. Travolgente, quando ha spazio per correre è imprendibile. Prima chiude di piatto il triangolo con Sprocati, poi serve l’assist al bacio per Sprocati. Bentornato. (25’st Odjer 6. Fa legna in mezzo al campo).

All. Bollini 7. Cambia tanto, ma con criterio. Sceglie forze fresche, e quando la squadra attacca dà sempre la sensazione di poter sfondare. Seconda vittoria consecutiva fuori casa.

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *