Cinque partite, poi l’esonero. Fra Giuseppe Sannino e il Carpi fu amore a prima vista. Tutto finito troppo presto, dopo le cinque sconfitte consecutive con il trainer di Ottaviano che portò i romagnoli a richiamare di fretta e furia Fabrizio Castori. Una delusione cocente, una ferita riaperta dal tecnico napoletano durante un’intervista a “La Gazzetta dello Sport“: “Carpi è stato un grande fallimento. Quando una società ti multa di 10 mila euro perché ti accusa di avere allenato una squadra di Eccellenza, ti fa capire con chi avevi a che fare”. Il riferimento è alla presenza a bordo campo ad una partita del Finale Ligure, squadra allenata da un amico stretto dell’allenatore e che gli costò una salata multa.

LA RISPOSTA

Le parole di fuoco di Sannino non sono passate inosservate al club emiliano che, con un lungo comunicato stampa, ha fatto chiarezza sulla vicenda gettando ulteriore benzina sulla vicenda. “Il Carpi FC 1909 Srl, preso atto delle dichiarazioni rilasciate dal Sig. Giuseppe Sannino sull’edizione de ‘La Gazzetta dello Sport’ pubblicata il 25 ottobre 2017, nel riservarsi tutte le opportune azioni, in sede sportiva, civile e penale, nei confronti dell’allenatore, precisa che la multa cui il tecnico fa riferimento venne irrogata all’esito della pubblicazione, da parte di numerosi organi di informazione, di materiale fotografico ritraente il tecnico nell’esercizio delle sue funzioni svolte in favore di altro club, pur in costanza di rapporto con la scrivente. Tale iniziativa fu intrapresa in osservanza di un procedimento disciplinare previsto dalla Legge dello Stato, con tutte le necessarie garanzie per il lavoratore il quale, peraltro, già precedentemente raggiunto da richiamo scritto per altra condotta, ha riconosciuto e accettato la sanzione senza impugnarla. – si legge nella nota del club – Che adesso, a distanza di circa un anno e mezzo, il Sig. Sannino si dolga di un legittimo provvedimento cui, peraltro, ha prestato acquiescenza e che, probabilmente, rappresenterà, non solo per lui, l’unico ricordo dell’esperienza carpigiana, durata cinque turni di campionato e culminata con un esonero dopo il quale la società ha puntualmente onorato tutti i propri obblighi contrattuali, costituisce, ad avviso della Società, una ‘non notizia'”.

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *