Festa Salernitana

Di NICOLA LANZILLI

Non saranno la vera essenza del calcio, i numeri, ma fungono da monito per capire se la strada intrapresa è quella giusta. E, cosa fondamentale, non mentono mai. Quelli della Salernitana dopo 12 giornate di campionato sono più che mai positivi e fanno già sognare i tifosi granata. Il quarto posto in classifica è il dato che più balza all’occhio, da contestualizzare, però, all’interno di una classifica corta come forse mai prima d’ora. Pochi mesi di campionato ma già con diversi primati da segnalare per la squadra del tecnico Bollini. Passata dalle critiche per una stagione che si prospettava non avere nè capo nè coda, all’esaltazione, scaturita da un’incredibile continità di risultati che fa sognare qualcosa di impronunciabile. E a certificare lo strepitoso stato di forma dei granata ci sono proprio loro, i numeri, quelli che non mentono mai.

Un trend da record  

Ad oggi quella col Carpi resta l’unica sconfitta della Salernitana, dopo la quale è iniziata una striscia di risultati utili consecutivi da far invidia. Cinque pareggi e quattro vittorie, è questo lo score dei granata, in serie positiva da ben 9 giornate come nessuno in tutta la B. In una speciale classifica relativa agli ultimi 9 turni, infatti, la Salernitana occupa la prima posizione solitaria con 17 punti, più di corazzate come Bari, Palermo (16), Empoli (15) e Frosinone (13). Discorso simile anche per quanto riguarda il mese di ottobre nel quale la Salernitana ha conquistato più punti di tutti (11). Frutto di tre vittorie e due pareggi.

Un primato da condividere 

Insieme al Palermo la Salernitana è ad oggi la squadra meno battuta della serie B. Una sola volta, infatti, i granata hanno deposto le armi, precisamente a Carpi quando un gol di Marcone stese i ragazzi di Bollini. Sconfitta rivelatasi, poi, salutare e che diede il via ad una striscia di 9 risultati utili consecutivi. Un primato questo da condividere con i siciliani, favoriti numero 1 alla promozione in A, e attuali padroni della classifica, sconfitti anche loro soltanto da un squadra squadra: il Novara dell’ex Corini.

Manichini nel mirino

Nella storia recente della Salernitana per trovare un trend di risultati positivi così lungo bisogna risalire alla stagione 2014/2015. Quando con Leonardo Menichini in panchina i granata conquistarono la promozione in serie B. All’epoca furono ben 10 le giornate senza ko. Dopo la sconfitta nel derby di Caserta, infatti, arrivarono 3 pareggi (Cosenza, Vigor Lamezia, Foggia) e 7 vittorie (Martina, Aversa Normanna, Ischia, Melfi, Savoia, Benevento, Lecce). Spettacolare scalata che fu brutalmente stoppata il 16 marzo dal Matera che all’Arechi beffó i ragazzi di Menichini al 94esimo con la rete di Diop.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *