REINA NAPOLI

di SABATO ROMEO

Un calcio alla fortuna e alla Champions League. Il Napoli sogna, vede le streghe, rimonta ma poi si butta via. A festeggiare al San Paolo è il Manchester City, cinico e spietato, con un 4-2 che sa di condanna per le ambizioni europee del Napoli. Uno schiaffo in pieno viso, doppio se si considera il grave infortunio al ginocchio per Faouzi Ghoulam, e che lascia i partenopei appesi ad un filo per il passaggio del turno. Servirà battere lo Shakhatar al San Paolo e poi vincere col Feyenoord con il contemporaneo successo del City con gli ucraini: troppi incastri, tanti per diventare realtà.

Primo tempo di fuoco

Sarri si affida ai titolatissimi e la partenza è roboante. Pressing asfissiante e giocate tutte di prima, il Napoli non sfonda ma mette i brividi ad un City che lascia campo aspettando il momento buono per colpire. Al 21′ però gli azzurri sfondano con Insigne che, dopo il duetto con Mertens, freddo davanti ad Ederson non sbaglia. Il San Paolo é una bolgia, il Napoli crede al sogno vittoria ma l’infortunio di Ghoulam (sospetta rottura del crociato destro) manda all’aria piani e certezze. Il City fiuta l’occasione e aumenta i giri del motore: al 34′ Gundogan pennella per Otamendi che di testa insacca. Il Napoli accusa il colpo, non reagisce, anzi appare scarico dopo il grande sforzo profuso e trema sia sulla traversa di Stones che sulle accelerazioni di Sanè e Sterling, letteralmente imprendibili.
Mille emozioni
La ripresa si apre nel peggiore dei modi. Stones decolla su un angolo di De Bruyne e insacca il 2-1 con l’aiuto della traversa. Il Napoli sbanda, sbatte su una traversa colpita da Insigne, ma è bravo a procurarsi un penalty che Jorginho non sbaglia. Il Napoli si riaccende e si divora il tris con Callejon. Gol fallito, gol subito. La regola non scritta del calcio colpisce i partenopei che concedono un contropiede incredibile. Aguero, con fortuna, concretizza gelando il San Paolo. Il finale è un lungo giropalla del City su un Napoli ormai senza lucidità. E nel cuore del recupero arriva il 2-4 di Sterling che sa di punizione pesantissima per la banda Sarri.
Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *