salernitana minala

“Vedere il video del derby mi fa sempre effetto, non so se sia stata la gara della svolta ma ci ha dato più serenità. Quando mi scrivono i tifosi, li chiamo i ‘pazzi‘, per il calore che ci danno. Uscire da quel tunnel e guardare la curva è una sensazione difficile da spiegare”. Parole di Joseph Minala, eroe del Partenio che all’ombra dell’Arechi, sta ancora riscuotendo gloria dopo la rete al 96′ che ha deciso il derby con l’Avellino. Ospite negli studi di Telecolore nella trasmissione Gol su Gol, condotta da Franco Esposito, il mediano scuola Lazio prova a riavvolgere il nastro dei ricordi, non disdegnando un occhio al presente.

“Bisognerebbe indossare gli scarpini e scendere in campo per capire. Ci sono persone che tengono più alla Salernitana che alle loro famiglie. Rosina? Decisivo ad Avellino, il suo ingresso ci ha permesso di ribaltare la partita, l’anno scorso pure non partì fortissimo, poi fece gol a Pisa. Alessandro è uno che dà consigli, anche se non gioca non ha mai il muso lungo, ci sprona sempre. Il Bari? Secondo me la squadra più forte che abbiamo affrontato in questo ciclo, basta vedere la panchina per rendersi conto”. Poi sugli obiettivi personali da perseguire in ambito calcistico. “Sogno la Serie A e la Nazionale del Camerun”. Avellino? Nulla contro di loro, ma nella mia prima partita con le giovanili della Lazio feci una doppietta agli irpini”. Forse era destino.

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *