bassolino pd

Una mostra di testi e di foto, allestita lo scorso 9 maggio alla presenza di Massimo D’Alema, è diventata un libro di notevole rilievo storico per la città di Scafati. “In alto a sinistra-storia del Partito Comunista Italiano a Scafati” è l’opera che sarà presentata giovedì 16 novembre alle 18,30 presso la sala Don Bosco di Piazza Vittorio Veneto. L’evento sarà moderato da Alfonso Annunziata e presieduto da Alberto Pesce. Prevista la partecipazione del deputato Pd, Tino Iannuzzi e dell’ex presidente della Regione Campania, Antonio Bassolino.

La pubblicazione, curata dall’A.N.P.I sezione “Bernardino Fienga” di Scafati ed edita da Polis SA Edizioni, è il frutto di una lunga ricerca documentale, fotografica e bibliografica che da alcuni anni – grazie ai vecchi militanti del Pci/Pds scafatese e ai membri della stessa A.N.P.I. – è stata portata avanti al fine di arricchire la memoria storica della città.

Scafati, città Croce al valor militare e medaglia d’oro della Resistenza, ha vissuto per tutto il Novecento le grandi trasformazioni politiche ed economiche che hanno segnato la storia italiana. Fu, infatti, insediamento industriale del comparto tessile già nel corso del XIX secolo, grazie all’opera di alcuni imprenditori svizzeri: conobbe presto, perciò, la nascita delle prime formazioni sindacali e partitiche che portarono lo sviluppo di una profonda e diffusa coscienza civile, sociale e politica.

In questo contesto emersero i primi leader cittadini come Bernardino Fienga, primo segretario della Federazione comunista di Napoli all’indomani del Congresso di Livorno, combattente durante la guerra civile spagnola e poi medico personale del Presidente messicano Lazaro Càrdenas; Ludovico Sicignano, primo sindaco della Scafati liberata dai nazifascisti e membro dell’Assemblea Costituente; Antonio Ferrara, delegato al Congresso Nazionale di Lione del ’26 e poi compagno di detenzione di Nenni e Pertini nel confino di Ponza. Le loro biografie rappresentano un formidabile esempio di lotta politica, sociale e antifascista, e restituiscono luce a Scafati e al suo, spesso dimenticato, contributo nella Resistenza italiana e più in generale alla vita politica nazionale.

I protagonisti e gli eredi di quelle vicende – tanti nostri concittadini, tra i quali è possibile citare il Senatore Oreste Catalano – portarono avanti nelle fila del Pci scafatese la lotta sociale e politica contribuendo con le altre forze politiche scafatesi alla crescita civile ed etica di Scafati.

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *