L’apocalisse. L’eliminazione dal Mondiale spalanca le porte alla rivoluzione in seno all’Italia calcistica. In attesa della separazione da Gian Piero Ventura (che sia esonero o dimissioni) e della scelta di Carlo Tavecchio, la FIGC sta pensando a chi affidare l’arduo compito di rimettere in carreggiata una Nazionale allo sbando e orfana da ieri dei suoi storici leader.

Tanti nomi

Secondo Sky, la Federazione avrebbe intenzione di puntare su un “big“. Il sogno resta Carlo Ancelotti, restio però ad accettare. Con l’ex Bayern Monaco ci sarebbe anche la candidatura di Massimiliano Allegri, allettato ma impegnato nella campagna europea con la Juventus. In seconda fila restano Antonio Conte e Roberto Mancini, opzioni di spessore ma bloccati da diversi intoppi: l’attuale allenatore del Chelsea è ancora alle prese con un contenzioso economico con la FIGC in merito al vecchio contratto. Mancini, invece, sempre secondo Sky, sarebbe fermato dall’ostacolo Lotito: tra il coach dello Zenit e il co-patron granata non corre buon sangue tanto da portare Mancini a rifiutare qualsiasi proposta. Tanti nomi ed il tempo che per una volta tiranno non è: l’Italia programma il futuro tra l’amarezza e mille problemi.

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *