de mita

L’obiettivo è provare costruire un grande contenitore nel quale far confluire tutte le anime democratiche del Paese. Un progetto che viaggia sotto il simbolo de “L’Italia è Popolare” e che ha come sponsor principale Ciriaco De Mita. L’ex Presidente del Consiglio, insieme al nipote Giuseppe, sta girando la Campania per dare forza al nuovo movimento politico nato dalla scissione dell’Udc. «L’unione di tutti quelli che si riconoscono nei valori della democrazia è una necessità in una situazione politica come quella attuale», ha ribadito l’altra sera De Mita a Pontecagnano Faiano dove, ad attenderlo c’era una platea composta da ex Dc, moderati e possibili alleati del neonato soggetto politico. L’ex leader della Democrazia Cristiana, intervistato da Antonio Manzo e affiancato da Adriano Montemurro – coordinatore cittadino dell’Udc pronto a seguire i De Mita nel nuovo corso politico – ha toccato vari argomenti, non risparmiando una frecciata al sindaco di Pontecagnano Faiano (suo “figlioccio” politico), Ernesto Sica («c’è chi ha preferito passare con Berlusconi) e ribadendo l’importanza di presentarsi uniti alle prossime elezioni Politiche. «E’ ridicolo di pensare di arrivare a una campagna elettorale con tre coalizioni che si fronteggiano e pensare che una di loro riesca a vincere con nettezza. Ognuno si schieri dove vuole ma dentro un fronte di conservazione democratica».

L’appuntamento di Pontecagnano Faiano, inoltre, è stata anche l’occasione per lanciare “L’Italia è Popolare” sul territorio salernitano. Diversi gli amministratori presenti, tra cui la consigliera regionale Maria Ricchiuti e l’assessore regionale Corrado Matera. In sala anche diversi esponenti del Partito Democratico di Pontecagnano Faiano che, con ogni probabilità, sarà sostenuto alle prossime Amministrative anche dall’area centrista.

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *