Di NICOLA LANZILLI

Nell’incontro di ieri sera tenutosi al Teatro di Ateneo dell’Università di Salerno, Federico Buffa non si è soffermato soltanto sul racconto delle imprese sportive che hanno scritto la storia. Il famoso narratore, infatti, ha analizzato nel dettaglio anche la mancata qualificazione al Mondiale russo da parte dell’Italia. Esponendo il suo pensiero sul momento di crisi dell’intero sistema calcio nostrano. «Tu credi che il calcio italiano sia disponibile a rifondersi nel suo sistema, nelle sue caratteristiche importanti? No». Lapidario Buffa non ha voluto poi cavalcare l’onda del «troppi stranieri nelle primavere dei club», spiegando quali siano secondo lui i tasti da toccare per ridare lustro al calcio italiano. «Non credo che se dovessero diminuire gli stranieri di conseguenza gli italiani diventerebbero più forti. La cosa più ovvia da dire sarebbe quella di ripartire dai vivai, ma serve anche migliorare le strutture e allontanare le mele marce», la conclusione del noto storyteller.

 

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *