Bollini Salernitana

Riscattare le due sconfitte consecutive per ripagare la fiducia e il sostegno del popolo granata. Alberto Bollini, alla vigilia della gara contro il Perugia, suona la carica. Il tecnico della Salernitana riparte dalla scena finale di Brescia e dal “coro” con cui gli irriducibili del cavalluccio marino hanno salutato la squadra. «Dobbiamo ripartire senza troppi drammi e senza negativizzare eccessivamente questo momento. Al termine della gara di Brescia la curva ci ha rivolto un coro, “saremo sempre con voi”, e tutti noi dobbiamo dimostrare di meritarci questo tifo e questo incredibile attaccamento riprendendo quel cammino fatto d’intensità, caparbietà e di lotta che ci ha portati fino a pochi giorni fa a fare partite importanti».

Un diktat che Bocalon & co. dovranno essere in grado di recepire, mettendo in campo determinazione e rabbia. «Le piazze di questo campionato difficile dove non si fanno eccessivi drammi e i momenti difficili vengono metabolizzati al meglio per ripartire hanno dimostrato di avere più continuità – aggiunge Bollini -. Dobbiamo riprendere la nostra marcia guardando a quello che dobbiamo e possiamo fare meglio. Ho l’orgoglio di allenare un gruppo professionale ma in gara non basta solo la tattica e i moduli ma servono anche quegli aspetti caratteriali e di altruismo nei quali in questo momento sono emerse alcune lacune. È abbastanza inevitabile che in questo campionato ci siano battute d’arresto, non sono abituato a cercare colpevoli e preferisco trovare il modo per risolvere i problemi. Il risultato è sempre la migliore medicina per stare meglio e nell’ultimo periodo pur avendo una classifica accettabile, considerato anche l’andamento del campionato, di sicuro questo non è il nostro momento più felice. Il risultato ti dà tanto nello sport ma questo non deve essere un segnale di demoralizzazione né tantomeno di difficoltà ma anzi ci deve dare la spinta per ripartire».

Sulla gara di domani contro il Perugia: «È una partita da attenzionare molto, dovremo fare di tutto per superare le difficoltà che potrà crearci l’avversario attraverso la caparbietà e il carattere. Il Perugia viene da risultati importanti ottenuti sul filo di lana in partite equilibrate come con la Ternana e l’Ascoli. Una squadra che ha condizione e mezzi avendo il secondo attacco del campionato. Un gruppo in ripresa che ha l’obiettivo minimo dei playoff».

Bollini ha quindi concluso: «La gara di domani assume un significato particolare per il momento che stiamo vivendo e per dare anche una risposta positiva a questa settimana di ritiro. Dobbiamo concentrare tutte le nostre energie per ottenere una risposta forte che passa attraverso la ricerca del risultato».

I CONVOCATI GRANATA

PORTIERI: Adamonis, Radunovic, Russo;

DIFENSORI: Mantovani, Perico, Popescu, Pucino, Schiavi, Tuia, Vitale;

CENTROCAMPISTI: Kiyine, Minala, Odjer, Ricci, Rizzo, Signorelli, Zito;

ATTACCANTI: Alex, Bocalon, Cicerelli, Di Roberto, Gatto, Kadi, Rodriguez, Rossi, Sprocati.

 

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *