Pordenone a un passo dalla storia. Anzi, undici metri per la precisione. I neroverdi vengono eliminati solo ai calci di rigore dall’Inter, che approda ai quarti di finale non senza fatica, contro l’operaio formazione di Colucci, mai doma per 120′. Lo 0-0 finale è già di per se un’impresa, basti pensare poi a quel paio di occasioni fallite da Magnaghi e compagni nei 90′ regolamentari, con un palo che grida ancora vendetta. I tifosi della Paganese avranno seguito con piacere le gesta di Leonardo Nunzella e Luca Lulli, entrambi ex azzurrostellati presenti al Meazza a cercare l’impresa. Il primo, infatti, ha collezionato 27 presenze nella stagione 2012/2013, sotto la guida di Gianluca Grassadonia, e si è ben disimpegnato per quasi un’ora di gioco sulla corsia sinistra. Il secondo (appena 8 presenze a partire dal gennaio 2013), ha sfiorato anche la rete nel corso del match, fallendo però un calcio di rigore, che ha permesso all’Inter di passare il turno dopo la realizzazione di Nagatomo. Poco conta però, perché i due ragazzi ex Paganese, così come il resto della squadra escono a testa altissima da San Siro.

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *