sava presepe vivente baronissi

Ritorna il Presepe Vivente a Sava di Baronissi. La rappresentazione, anche quest’anno, sarà allestita dal gruppo Giovani dell’Azione Cattolica della Parrocchia Sant’Agnese, insieme al parroco Padre Enrico Agovino e a tutta la comunità parrocchiale. L’evento inaugurale è previsto per il 26 dicembre alle 18, altri appuntamenti sono in programma il 30 dicembre e il 6 e 7 gennaio. L’apertura al pubblico è in programma dalle 18 alle 21, eccezion fatta per il 7 gennaio quando si potrà accedere dalle 9,30 alle 12,30.

Per l’ambientazione del Presepe Vivente sono stati scelti i luoghi storici e culturali che la piccola frazione della città di Baronissi conserva intatti; tra questi la Villa Romana, sottostante la Chiesa Sant’Agnese, che ben si presta a rievocare il mistero della nascita di Gesù. Chiunque entrandovi, infatti, non può che rimanere incantato dagli storici affreschi che il complesso archeologico conserva: in questo luogo si coniugano perfettamente la suggestione del Natale e la volontà di valorizzazione le ricchezze del territorio.

Una location che rende unico il Presepe realizzato interamente dai giovani della comunità parrocchiale. All’ingresso della Villa Romana saranno rappresentati alcuni dei vecchi mestieri: la pastaia, l’esattore delle tasse, la sinagoga. Continuando all’interno, si potrà far visita a re Erode e alla sua regina accompagnati dalle ammalianti concubine, sotto il vigile occhio dei suoi soldati. La rappresentazione in villa si concluderà con la riproduzione della Natività, dove sarà possibile adorare Gesù Bambino nell’umile mangiatoia. Nel giardinetto adiacente alla villa s’incontreranno altri antichi mestieri: gli artigiani, le fioraie, gli artisti, il fabbro, i pastori. Lungo il percorso sarà possibile degustare tante specialità: dalla pizza fritta alle zeppole, dal caciocavallo impiccato alle caldarroste e al caldo vin brulè.

Quest’anno ogni sera ci saranno tantissime novità e nuove degustazioni. La principale novità della VI edizione sarà rappresentata dalle “Vetrofanie“, un’opera originale ed esclusiva per l’intero paese, alla quale i ragazzi si sono dedicati con la supervisione e il supporto del maestro Luigi D’Arco. La magia delle vetrate si accenderà il 26 dicembre alle 18. Il 30 dicembre, invece, anche il coro di Sant’Agnese parteciperà alla serata. Come da tradizione, poi, il 6 gennaio la stella cometa guiderà i Re Magi lungo le strade principali del paese fino a giungere alla Villa Romana, dove renderanno omaggio a Gesù Bambino.

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *