Tanto rumore per nulla. Tirano un sospiro di sollievo Catanzaro ed Avellino, prosciolti questa mattina dall’accusa di combine per la sfida risalente allo scorso 5 maggio 2013. “Accuse infondate“, si legge nel dispositivo emesso dal Tribunale Federale Nazionale, che ha prosciolto anche i tanti tesserati inizialmente accusati di combine. Respira l’Avellino, dopo la richiesta dell’accusa di retrocedere in Lega Pro i lupi.

La decisione

Il Tribunale Federale Nazionale – Sezione Disciplinare – presieduto da Cesare Mastrocola ha disposto il proscioglimento di tutti i deferiti nell’ambito del procedimento relativo alla gara Catanzaro-Avellino disputata il 5 maggio 2013. Il Procuratore Federale aveva deferito i due club e sette tesserati delle due società per aver posto in essere atti diretti ad alterare il regolare svolgimento e il conseguente risultato finale del match valevole per la penultima giornata del Campionato di Lega Pro Girone ‘B’ della stagione sportiva 2012/13″. Questo il breve comunicato. Tanto rumore per nulla, l’Avellino respira.

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *