Ritorna in campo la Givova Scafati dopo la delusione per la mancata qualificazione alle Final Eight di Coppa Italia. La squadra salernitana sarà impegnata al “PalaMangano” domenica alle 18 contro la RNC Rieti, undicesima in classifica nel girone ovest, che nella gara di andata riuscì ad imporsi 79-72 solo dopo un tempo supplementare ed al termine di una sfida tesa e vibrante. Il team gialloblù è desideroso di dimostrare tutto il proprio valore e di iniziare nel migliore dei modi un turno di ritorno che possa permettergli di prendersi quella posizione di classifica che avrebbe meritato già al termine del turno di andata.

«Quella contro Rieti sarà una partita difficile, contro un avversario tosto, reduce da quattro vittorie esterne consecutive, che staziona a metà classifica e sta disputando un discreto campionato – ha commentato l’assistente allenatore Alessandro MarzulloRispetto alla gara d’andata, Rieti ha inserito in organico lo statunitense Olasewere, buon atleta e discreto realizzatore. Nel complesso, quindi, Rieti è una squadra che merita grande attenzione e rispetto, da affrontare con la massima concentrazione. La sconfitta subita a Casale Monferrato, che ha pregiudicato la nostra qualificazione alle Final Eight di Coppa Italia, ci ha notevolmente caricato e ci ha motivato a disputare un girone di ritorno ancora migliore, con l’obiettivo di provare a chiudere la stagione regolare con un piazzamento in classifica migliore rispetto a quello attuale».

Vincenzo Pipitone, centro della Givova, fa eco al tecnico. «Rieti è una squadra che vive sulle ali dell’entusiasmo, che ha un pubblico molto caloroso, che la segue anche in trasferta. Corre molto, basa il proprio gioco sulla fisicità e su i due statunitensi, che in questo campionato fanno la differenza. Non dimentichiamoci che poi Rieti dispone di due ottimi tiratori in uscita dai blocchi come Casini e Hassan, oltre a due buoni playmaker, Tommasini in particolare. Infine, dovremo tenere sotto controllo il gioco in post basso dove svettano i centimetri dell’esperto Gigli, atleta molto pericoloso. L’uscita dalla Coppa Italia, se da un lato ci ha un po’ demoralizzato, dall’altra ci ha motivato a mille: ci attende la prima sfida casalinga del 2018 e vogliamo iniziare con il piede giusto. Io spero di migliorarmi e di poter essere sempre più di aiuto ai miei compagni in campo»

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *