di SABATO ROMEO

“Mercato? Non ne parlo, ho ancora l’adrenalina e non sono lucido per poterne parlare”. Prova a dribblare il mercato Stefano Colantuono nel post-partita di Salernitana-Venezia. Il tecnico granata rinvia ogni considerazione sulla finestra invernale, motivando il gran lavoro in uscita della società. “Avere tanti calciatori può crearci problemi anche in allenamento – ha confessato Colantuono -. Con la società abbiamo deciso di snellire la rosa ma c’è bisogno di richieste per poterlo fare. Gatto ha avuto questa possibilità di andare a Chiavari ed è stata accettata ma sia chiaro che noi non cacciamo via nessuno. Kiyine? Non decidiamo noi, c’è una squadra che decide per lui e questa non siamo noi. Il mercato di gennaio resta difficilissimo perchè si rischia di prendere tanto per e noi non vogliamo questo. Solo con intelligenza si può fare mercato”.

Nessun caso Bernardini-Radunovic

Il tecnico getta acqua sul fuoco sulle esclusioni di Radunovic e Bernardini, inseriti inizialmente nella lista dei convocati ma finiti solo in tribuna nel match-day. “Nessuna esclusione dovuta al mercato – ha raccontato Colantuono – Li ho portati perchè volevo che la squadra fosse unita ma non erano al top. Radunovic sarà a pieno regime nei prossimi giorni e valuterò chi schierare fra lui e Adamonis. Marius è un ottimo portiere, oggi ha fatto un errore ma lui ha un futuro brillante davanti a sè”. E sulla penuria di esterni difensivi lancia l’indizio: “Casasola lo è“.

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *