“E’ stato tutto frainteso!”, così il gruppo ultras azzurro dei Fedayn E.a.m. ha voluto commentare le tante, forse troppe, chiacchiere degli ultimi giorni circa la loro presenza a Castel Volturno. Con un volantino alla “vecchia maniera”, scritto a mano, gli ultras partenopei che popolano la curva B del San Paolo hanno voluto fare alcune precisazioni dopo le strumentalizzazioni dei giorni scorsi, su quanto andato in scena prima del derby col Benevento.

Infatti, nelle ore che precedevano la sfida contro i sanniti, una delle sigle storiche del tifo partenopeo si era recata a Castel Volturno ad incitare la squadra di Maurizio Sarri. Una “visita” che i Fedayn hanno voluto fare, in quanto consapevoli di non poter presenziare al “Vigorito” di Benevento, a causa del divieto d’assistere al match ai non possessori di Tessera del tifoso. Cori d’incitamento per la squadra azzurra ma pure un pizzico di goliardia, che da sempre contraddistingue il gruppo partenopeo nato nel 1979.
Ma quale calciomercato, compra gli arbitri e vinciamo il campionato“, recitava il maxi-striscione esposto all’esterno del centro tecnico, quartier generale del Napoli. Il contenuto del messaggio rivolto al presidente Aurelio De Laurentiis era ovviamente ironico e tirava in ballo contemporaneamente sia la lotta scudetto con i rivali della Juventus, sia l’operato della società. Non tutti, però, hanno condiviso il pensiero dei Fedayn e soprattutto in tanti non hanno dato il giusto peso a quei centimetri di carta degli ultras azzurri. Inoltre, dopo l’esposizione dello striscione “Adl buffone“, a firma Curva A, nel settore ospiti di Benevento, sul web (e non solo) tanta gente ha parlato di spaccatura nel tifo partenopeo. Il messaggio che erroneamente era passato, vedeva gli ultras della “A” apertamente schierati contro la società, mentre quelli della “B” al fianco del Napoli. Dura la precisazione dei Fedayn, che nel volantino hanno attaccato alcuni organi di stampa e certi tifosi definiti “sapientoni e occasionali”, esponendosi anch’essi contro la presidenza e contro il calcio moderno. Ecco di seguito il testo integrale della nota degli ultras:
La nostra presenza a Castel Volturno con il nostro modo goliardico di esprimere le nostre idee e i nostri atteggiamenti, non va nè giustificata nè appoggiata da nessuno! Noi siamo i Fedayn, coerenti da sempre con il nostro modus vivendi! Ma come sempre in questa città dove tutti “sanno” ma nessuno “opera”, regno di pettegolezzi e di parole che vanno al vento… è stato tutto frainteso! Solo chi vive il nostro modo d’essere sa cosa era quella manifestazione! Siamo stanchi dei ‘giornalai’, di pseudo sapientoni del calcio e dei tifosi occasionali!
…Noi viviamo la curva e andiamo avanti a testa alta per il nostro credo!

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *