di SABATO ROMEO

Un pari amaro. Salernitana-Pro Vercelli 0-0 è il punto più basso dell’era Colantuono sulla panchina granata. Nella gara considerata della svolta, i campani rallenatano con un pari amaro che lascia spazio ai rimpianti e alla rabbia dell’Arechi, costretta ad andare oltre i “soliti” fischi con una contestazione durissima. “Siamo stati sfortunati, non abbiamo concretizzato e addirittura due pali ci hanno fermato nella stessa azione – ha raccontato Colantuono in sala stampa -. Abbiamo fatto ancora una volta la partita, siamo partiti bene meritando il vantaggio che invece non abbiamo trovato. Sembrerà assurdo ma anche oggi abbiamo fatto un’ottima prestazione anche se ancora una volta non siamo stati capaci di concretizzare. Classifica? Non la guardo, l’ho già detto. Io bado solo alla prestazione, a dare un gioco e un’anima a questa squadra. Sappiamo qual è il nostro obiettivo e non possiamo fallire“.

E su chi considera Radunovic migliore in campo Colantuono non ci sta. ” Boris ha fatto due parate ma da qui a dire che è stato il migliore ce ne passa – sbotta il tecnico -. Tanti altri hanno fatto bene, lui è stato importante ma è normale concedere qualcosa”. Poi il giudizio su Rosina: “Viene da un lungo periodo d’inattività, è entrato nel secondo tempo e ha fatto bene. Sappiamo tutti che quando sta bene può essere un calciatore decisivo”.

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *