salernitana-parma

La Salernitana non riesce a scacciare la crisi, perde anche con il Parma (0-1). L’Arechi urla “Vergognatevi” e presenta il conto anche a Claudio Lotito. “Salerno non è la Lazio”. Adesso la squadra granata rischia concretamente di trovarsi risucchiata in zona play-out (distante due punti) dopo le partite in programma domani sera. Un’altra prova deludente per Sprocati & co. che durano solo 30′, prima di subire il gol di Dezi che taglia le gambe al cavalluccio marino, chiudendo con largo anticipo la gara. Ora la situazione si fa davvero delicata e anche la panchina di Colantuono inizia a scricchiolare.

La gara. L’Arechi chiede la svolta («Fuori le palle», lo striscione affisso per l’intera gara in Curva Sud) e la Salernitana, nei primi minuti, dà l’impressione di poterla centrare. Il 4-3-3 rispolverato da Colantuono riesce a bloccare le fonti di gioco dei gialloblu, rivelandosi efficace in fase offensiva. Al 10’ la prima, vera palla gol capita sui piedi di Casasola che, pescato in area di rigore da Ricci, calcia alto sulla traversa da buona posizione. I granata sono in partita, tengono bene il campo e sembrano essere altra squadra rispetto a quella vista all’opera venerdì sera a La Spezia. Pucino (17’) ci prova dai trenta metri ma la sua conclusione termina di poco a lato. Con il passare dei minuti il forcing dei padroni di casa cala e il Parma viene fuori alla distanza. Al 30’ D’Aversa è costretto a sostituire Scozzarella – per infortunio – con Vacca. E all’ex Foggia bastano appena tre minuti per farsi notare. Da una sua giocata nasce il vantaggio gialloblu: il numero 4 degli emiliani serve Scavone che vede nello spazio Calaiò. L’attaccante, tenuto in gioco da Monaco, prende il tempo alla difesa granata e a tu per tu con Radunovic la tocca per l’accorrente Dezi che da due passi fa 1-0. Lo svantaggio gela la Salernitana che va in confusione e, pur avendo la supremazia territoriale, non riesce più a rendersi pericolosa dalle parti di Frattali.

Una storia che si ripete anche in apertura di ripresa. Colantuono prova a suonare la sveglia lanciando nella mischia Rosina e Bocalon. Ma il Parma riesce a contenere le giocate dei granata, provando a chiudere i conti di rimessa. Calaiò (16′) e due volte Dezi (31′ e 34′) falliscono clamorosamente il colpo del ko. Radunovic (37′) dice di “no” a Scavone stendendosi sulla destra e tenendo ancora in partita la Salernitana. Ma i granata non riescono mai a calciare in porta. L’unico, sterile tentativo capita sui piedi di Sprocati (38′) ma la sua conclusione a giro termina alta sulla traversa. Troppo poco per agguantare il pari. Il Parma espugna l’Arechi e allunga la crisi dei granata che escono tra i fischi e la contestazione del proprio pubblico.

SALERNITANA-PARMA 0-1

SALERNITANA (4-3-3): Radunovic, Casasola, Schiavi, Monaco, Pucino; Minala, Ricci (33’ st Kiyine), Zito (7’ st Rosina); Di Roberto (15’ st Bocalon), Palombi, Sprocati. In panchina: Adamonis, Asmah, Mantovani, Popescu, Tuia, Vitale, Akpa Akpro, Della Rocca, Signorelli. Allenatore: Colantuono

PARMA (4-3-3): Frattali; Iacoponi, Gagliolo, Di Cesare, Gazzola; Scavone, Scozzarella (30’ pt Vacca), Dezi; Insigne (33’ st Anastasio), Calaiò, Da Cruz (15’ st Frediani). In panchina: Nardi, Dini, Lucarelli, Baraye, Barillà, Ceravolo, Sierralta. Allenatore: D’Aversa.

ARBITRO: Pinzani di Empoli (assistenti Cucchi e Cipressa; quarto uomo Balice)

RETE: 33’ st Dezi (P)

NOTE. Spettatori 5826 di cui 3381 abbonati. Ammoniti: Iacoponi (P), Schiavi (S), Calaiò (P), Ricci (S). Angoli: 6-4. Recupero: 2’ pt-4’st

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *