di SABATO ROMEO

Meno tre da Salernitana-Avellino ed è già tempo di prove. Entrambe le squadre sono state impegnate questo pomeriggio in sgambature con le rispettive squadre Primavera, permettendo a Stefano Colantuono e Walter Novellino di tastare il polso delle proprie selezioni e iniziare a dare forma alle formazioni che si sfideranno dal primo minuto all’Arechi.

Sgambata al “Volpe” per la Salernitana dopo il dietrofront della società sulla seduta a porte aperte annunciata ieri e che aveva preallarmato la tifoseria granata. Colantuono sembra intenzionato a confermare il 4-3-3 visto ad Ascoli e riabbraccia Ricci, pronto a rimpiazzare Signorelli in cabina di regia. Eppure per il tecnico romano c’è almeno un dubbio a reparto: a partire dalla difesa dove, recuperato Pucino, Mantovani insidia Tuia per far coppia con Schiavi mentre Vitale spera in una maglia da titolare sulla sinistra ma è sfavorito su Casasola e Pucino (dirottato a sinistra). Davanti invece è toccato a Zito completare quest’oggi un tridente inedito con Bocalon e Di Roberto. L’ex di turno potrebbe insidiare proprio Di Roberto per una maglia da titolare, con Bocalon riconfermato al centro dell’attacco e l’inamovibile Sprocati sulla sinistra. Pochi dubbi invece in mediana, dove Minala e Kiyine verranno riconfermati da mezzali.

Porte serrate anche al “Partenio-Lombardi” dove Novellino ha verificato le condizioni del suo Avellino dopo lo stop forzato con il Bari. Il tecnico irpino sembra aver sciolto le riserve sul modulo ma non sugli uomini: sarà 4-2-3-1 con qualche dubbio soprattutto sugli esterni. Perchè se Moreno e Kresic sono sicuri di una maglia, Ngawa e le condizioni non ottimali di Rizzato stanno portando a più di una riflessione. In caso di esclusione dell’ex Trapani, spazio all’ex Laverone. Pochi dubbi in mezzo con Di Tacchio e De Risio a comporre la cerniera centrale priva dello squalificato D’Angelo. Dietro ad Ardemagni invece ci saranno Bidaoui-Gavazzi-Molina, con Castaldo ed Asencio pronti a subentrare a gara in corso.

 

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *