di SABATO ROMEO

Carica ed adrenalina nonostante il dramma di Davide Astori. Walter Novellino non vuole fallire l’appuntamento con il derby e sogna in un’impresa del suo Avellino a Salerno da dedicare magari allo sfortunato capitano della Fiorentina. Un pensiero fisso come dimostrato in apertura di conferenza stampa. “Voglio esprimere le mie condoglianze alla famiglia di Davide Astori. E’ stata una settimana difficile ma ora vogliamo fare solo una grande partita e provare a vincere”.

Vincere dunque, l’unica cosa che conta soprattutto per dimenticare l’amarezza dell’andata, con quella rimontona finale che ha segnato e non poco il percorso dei lupi. “Sappiamo bene che è una sfida diversa dalle altre – ha raccontato Novellino -, sto provando a dare tranquillità e serenità al mio gruppo. Sono convinto che la pressione e le urla non servano. Ognuno la deve preparare dentro di sè. Dobbiamo giocare con il sangue. Andata? Il tempo cancella tutto anche se la fotografia di quella delusione è rimasta impressa nelle nostre menti. Abbiamo tutto per cancellare quei venti minuti e regalare ai nostri tifosi un successo che meritano“.

Tanti i dubbi di formazione, nonostante il turno di stop forzato con il Bari. “Abbiamo recuperato Gavazzi e Di Tacchio, così come Rizzato e Castaldo. D’Angelo? Mi dispiace non ci sia, so quanto teneva a questa sfida. Domenica però sarà importante approcciare bene e dare continuità al rendimento della scorsa settimana. 45 anni dall’ultimo successo a Salerno? Vorrei scrivere questa ma anche tante altre pagine di storia. Non solo il derby, ma che la mia squadra raggiunga un risultato storico per questa città”.

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *