La Salernitana strappa un pari d’oro (0-0)  sul campo del Frosinone. La squadra di Colantuono, dopo le due vittorie consecutive conquistate contro Ascoli e Avellino, allunga la sua striscia positiva allo “Stirpe”, contro una delle candidate alla promozione in serie A. Una prova di carattere e cuore per Bocalon & co. che hanno avuto più di una circostanza per trovare il gol-vittoria.

La gara. La Salernitana fa la partita, mette sotto il Frosinone che soffre come non mai la vivacità dei granata. Kiyine giganteggia in mediana, Bocalon gioca di sponda e Sprocati manda in tilt la retroguardia gialloblu. Proprio da una combinazione tra la punta e l’esterno del cavalluccio marino nasce l’occasione migliore per sbloccate il risultato: Bocalon (7’) tiene palla a limite liberando l’inserimento di Sprocati che, dopo aver saltato con un tunnel Brighenti, prova a superare Vigorito con un pallonetto ma la palla termina d’un soffio alta sulla traversa.

Il Frosinone prova ad abbozzare una reazione ma la squadra di Colantuono controlla senza affanni. L’unico spavento agli oltre 1000 tifosi granata presenti al “Benito Stirpe” lo causa Dionisi (17’) devia con la mano un bel cross di Paganini, spingendo la sfera in fondo al sacco ma il gesto non sfugge al direttore di gara che annulla e ammonisce l’ex attaccante della Salernitana.

I granata tengono meglio il campo e, ai punti, meriterebbero il vantaggio. Il solito Sprocati (18’) ci prova subito con una conclusione a giro che fa la barba al palo. Quattro minuti dopo il fantasista lancia a rete Di Roberto che impiega troppo per calciare e sciupa l’occasione. Longo è costretto a sostituire Ariaudo (infortunato) con Russo che appena entrato atterra Bocalon e viene ammonito. Dalla punizione seguente ci prova Kiyine ma Vigorito non si lascia sorprendere. Nel finale di primo tempo è il Frosinone a rendersi pericoloso dalle parti di Radunovic. Pucino (43’) salva in diagonale su Ciofani, Paganini ci prova di testa ma la palla termina a lato. Tre minuti dopo l’estremo difensore granata (46’) è abile a respingere un’insidiosa conclusione di Ciano.

In apertura di ripresa la Salernitana è costretta a stringere i denti. Gori(4’) approfitta di una sponda di Ciofani e calcia dal limite con la conclusione che termina a lato. Due minuti dopo Radunovic è costretto a superarsi su Dionisi, smanacciando in calcio d’angolo. I granata si riorganizzano e riescono a impattare il forcing dei ciociari, rendendosi pericolosi dalle parti di Vigorito con Sprocati e Bocalon. Longo prova a dare vivacità alla manovra offensiva dei suoi lanciando nella mischia il “Messi di Fisciano”, Nicola Citro. E i padroni di casa hanno subito la grande chance (21’) con Ciofani ma Radunovic si supera e respinge di piede la conclusione del bomber gialloblu. I granata soffrono ma quando possono non rinunciano a spingere. Kiyine ci prova per due volte dalla distanza ma l’estremo difensore del Frosinone non si lascia sorprendere. L’occasione migliore per la squadra di Colantuono capita al 39′ sulla testa di Bocalon che, servito da Ricci, conclude d’un soffio a lato.

FROSINONE-SALERNITANA 0-0

Frosinone (3-4-1-2): Vigorito; Brighenti, Ariaudo (31’ pt Russo), Krajnc; Paganini (36’ st Soddimo), Gori, Maiello, Beghetto; Ciano; Ciofani, Dionisi (20’ st Citro). In panchina: Bardi, Besea, Frara, Kone, Volpe, Matarese. Allenatore: Longo

Salernitana (4-3-3): Radunovic; Casasola, Tuia, Monaco, Pucino; Minala, Ricci, Kiyine (37′ st Odjer); Di Roberto (43′ st Palombi), Bocalon, Sprocati (33’ st Zito). A disposizione: Adamonis, Asmah, Mantovani, Popescu, Vitale, Della Rocca, Signorelli, Rosina, Rossi. Allenatore: Colantuono

Arbitro: Saia di Palermo (assistenti: Colella e Mastrodonato – quarto uomo: Giua)

Note. Ammoniti: Dionisi (F), Russo (F), Ricci (S), Tuia (S), Ciofani (F), Monaco (S). Angoli: 3-0. Recupero: 2’ pt-4’st

 

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *