Il cuore granata pulsa fortissimo nel settore ospiti dello stadio “Stirpe” dove i 960 irriducibili partiti da Salerno non smettono mai di spingere la Salernitana. Novanta minuti fatti di calore, colore e passione ma anche di ricordi e commozione. Perché quella di Frosinone è la prima senza Gianpiero, tifoso tragicamente volato in cielo nella giornata di ieri. È a lui che a metà ripresa lo spicchio granata dello stadio ciociaro dedica un commosso ricordo. “Inizia il tuo secondo tempo. Rip Giampiero”, lo striscione srotolato dai tifosi della Salernitana accompagnato da applausi e cori per il giovane salernitano. Un po’ come quando la Curva Nord frusinate con un “Vicini alla famiglia Astori” ha voluto ricordare il capitano della Fiorentina venuto a mancare improvvisamente nelle scorse settimane. Istanti di grande emozione, seguiti da un applauso di tutto lo stadio.

Nel corso della gara non sono mancati i classici sfottò di rito tra un “Noi non siamo salernitani” e un “chi non salta è un ciociaro” che hanno colorato il cupo pomeriggio laziale. Il tutto anticipato dalla  scenografia messa in scena dal settore più caldo dello Stirpe che, con cartoncini gialli e blu, hanno composto la parola “ciociari” impreziosita dalla frase “una terra compatta, un popolo che lotta” comparsa sullo striscione esposto in contemporanea dagli esponenti della curva.

 

(Foto Carlo Giacomazza)  

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *