di SABATO ROMEO

La luce in fondo al tunnel. Otto mesi dopo Francesco Orlando potrebbe ritrovare il campo. Di certo non quello che a Tolentino, incappando in una buca, gli costò la rottura del crociato anteriore e un infortunio durissimo da digerire dopo il contratto firmato con la Lazio e la voglia di dimostrare il proprio valore con la maglia della Salernitana. Proprio lui, uno dei migliori nel lungo romitaggio estivo granata e con tanta voglia di affermarsi dopo l’exploit di Vicenza. Ed invece gli toccò fare i conti con un incubo, dicendo addio al sogno di diventare protagonista all’ombra dell’Arechi.

Da allora solo fisioterapia e piscina, con il desiderio di ritornare quanto prima in campo. Un lavoro svolto all’ombra della squadra, guardando da vicino i compagni sudare e lavorare su tecnica e tattica. Ora però che anche da Roma è arrivato l’ok definitivo, toccherà a Stefano Colantuono decidere quando concedere una chance ad Orlando. Possibile che il calciatore ritorni quantomeno tra i convocati con il Novara così da respirare l’aria della partita tanto tempo dopo l’ultima volta (a La Spezia più di dieci mesi fa l’ultimo match ufficiale disputato). Tanto passerà però anche dalle condizioni atletiche del calciatore, pronto però a mettere benzina nel serbatoio e trasformarsi nell’arma in più per il rush finale nel 4-3-3 diventato ormai modulo predefinito per Colantuono. La luce in fondo al tunnel, per Francesco Orlando è tempo di ritornare a sorridere.

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *