Il cuore grande del teatro batte forte per i ragazzi de “Il Villaggio di Esteban“, arte e solidarietà si fondono in una cosa sola. Sabato 24 marzo, presso la Sala Auditorium del Centro Sociale di Salerno (via Guido Vestuti), andrà infatti in scena la commedia “Essere o non essere… qual è il problema?”, spettacolo rappresentato dalla Compagnia Comica Salernitana del Teatro Arbostella, composta da Giovanni Bonelli e Andrea Avallone, anche autori  e registi della pièce. Allo spettacolo prenderà parte l’attrice Rita Cariello.

Una buona causa 

Offrire una serata all’insegna delle risate per una buona causa, così potrebbe riassumersi l’intenzione della compagnia, pronta a salire sul palco per emozionare il pubblico e per contribuire alle attività svolte dalla cooperativa sociale, impegnata sin dal 1997 in servizi residenziali e semiresidenziali rivolti a minori, disabili e persone con disagio psichico, ma anche in vari progetti messi in campo dalla compagine cooperativa, quali il progetto PaperBoy, redazione giornalistica formata da ragazzi diversamente abili, il progetto Rock ‘n’ Foll, unico festival per la salute mentale, e il progetto InSuperAbili, squadra calcistica composta da ragazzi diversamente abili. Il ricavato dello spettacolo (10 euro il costo del biglietto), sarà così devoluto interamente per favorire le attività de “Il Villaggio di Esteban”, il cui nome nasce da un racconto di Gabriel Garcia Marquez.

La commedia

L’ambientazione dello spettacolo è la casa dei due protagonisti, i fratelli Giovanni e Andrea sognano di fare gli attori. Giovanni è più serioso e pacato mentre Andrea è l’opposto, superficiale ed estroverso. Proprio questa diversità caratteriale è origine dei continui scontri su idee e modi di fare. Ma entrambi non saranno soli: la loro giornata verrà condita da diverse visite con personaggi molto strani, che di volta in volta si presenteranno alla loro porta dando luogo a gag esilaranti e situazioni paradossali. Il cast verrà arricchito dalla caratterista Rita Cariello, che spezzerà molto il già sottile equilibrio dei due fratelli. E, come spesso accade in queste situazioni, sarà sempre nel finale il colpo di scena.

Il Villaggio di Esteban 

La Cooperativa Sociale Il Villaggio di Esteban, quale (come) risorsa e strumento della comunità, si propone lo scopo di prevenire e contrastare l’esclusione sociale, per favorire, a partire dalla struttura sociale di appartenenza, l’inserimento nei contesti vitali delle persone che vivono una situazione di disagio e per promuovere e realizzare lo sviluppo della persona valorizzando le loro attitudini e le loro potenzialità. Essa fonda la sua azione nell’esperienza e nella condivisione dei bisogni, opera con autonomia e responsabilità, proponendo ed attuando modelli di intervento, concreti e realizzabili, per costruire una comunità responsabile, competente e solidale.La Cooperativa Il Villaggio di Esteban realizza la propria missione attraverso la promozione di interventi sociali, sanitari, educativi, formativi, culturali, animativi, per rispondere in maniera efficace ed incisiva ai bisogni dell’infanzia, dei bambini e dei ragazzi difficili, delle persone con disabilità fisica e psichica e con disagio mentale, degli anziani e delle famiglie multi-problematiche.

 

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *