La fine del Mondo. Un pezzo di storia del calcio italiano che se ne va. È morto Emiliano Mondonico, aveva 71 anni e nell’ultima fase della sua vita ha combattuto con orgoglio contro una grave malattia. Era nato a Rivolta d’Adda, in provincia di Cremona, il 9 marzo del 1947. Fu calciatore di Cremonese, Torino, Monza e Atalanta e proprio sulla panchina della squadra della sua provincia d’origine, la Cremonese, debuttò come allenatore nel campionato di serie B 1981/’82, portando poi nel 1984 i grigiorossi in serie A.

In seguito guidò prima il Como e poi l’Atalanta, dove ottenne un’altra promozione in A e arrivò a giocarsi una semifinale di Coppa delle Coppe oltre alla qualificazione in Coppa Uefa. Poi diventò “cuore Toro”. Con il Torino, Emiliano Mondonico arrivò quinto in A nel 1991, terzo nella stagione seguente e raggiunse la finale di Coppa Uefa (persa contro l’Ajax). Nel 1992/’93 con i granata raggiunse poi il trionfo in Coppa Italia.

Furono gli anni d’oro del Mondo. Tornò all’Atalanta e nel torneo 1994/’95 riconquistò la serie A all’ultima giornata, vincendo quella partita-spareggio a Bergamo contro la Salernitana di Delio Rossi. L’anno seguente arrivò a giocarsi ancora la Coppa Italia (persa contro la Fiorentina). Ancora, nella sua carriera, un’altra promozione in A con il Toro, poi la retrocessione in B con il Napoli (forse l’unico vero fallimento della sua carriera), e poi Cosenza, la quinta vittoria del campionato di serie B con la Fiorentina, l’Albinoleffe e di nuovo la Cremonese, prima di un’altra breve parentesi a Novara. Intanto era arrivata la malattia, che oggi ha strappato all’Italia del calcio uno dei suoi più grandi personaggi. La fine del Mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *