Armi sempre cariche e a disposizione per mettere a segno, con cadenza quasi quotidiana, colpi nei Comuni della Piana del Sele. E seminare il terrore fra i titolari delle attività commerciali della zona. I carabinieri della Compagnia di Eboli, agli ordini del capitano Luca Geminale, con il supporto del nucleo cinofili di Sarno e del settimo nucleo elicotteri di Pontecagnano, hanno smantellato la gang che fra il dicembre del 2016 e la primavera del 2017 si è resa protagonista di diversi episodi criminali: sono dieci gli indagati che questa mattina hanno ricevuto le ordinanze applicative di misura cautelare (4 in carcere, 4 ai domiciliari e 2 divieti di dimora) ritenuti responsabili dei reati di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di rapine a mano armata, furti in abitazione, furti aggravati, detenzione e porto illegale di armi e munizioni e ricettazione.

I militari di Eboli hanno ricostruito il modus operandi della gang, trovando elementi di colpevolezza nei confronti degli indagati in tantissimi episodi. Nel dettaglio al gruppo vengono addebitate 5 rapine a mano armata commesse fra dicembre del 2016 e gennaio del 2017 ad altrettanti esercizi commerciali di Eboli; 2 furti di autovetture poi utilizzate per commettere le rapine; 3 furti in abitazioni commessi a Eboli nel febbraio 2017; 11 furti all’interno di auto parcheggiate commessi fra Eboli, Battipaglia e Capaccio fra il dicembre 2016 e marzo 2017; 4 tentati furti all’interno di attività commerciali di Eboli nel febbraio 2017. Le indagini sono nate dopo l’arresto in flagranza di reato di due componenti della gang e hanno permesso ai carabinieri di scoprire che il gruppo si era organizzato e ramificato, contando sulla continua disponibilità di armi per effettuare i colpi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *