Salernitana-Cesena 1-1, ecco di seguito le pagelle granata:

Radunovic 6. Incolpevole sulla rete di Moncini, lasciato colpevolmente solo dai suoi compagni. Risponde presente sulla punizione di Schiavone. Nella ripresa mette i brividi alla Curva Sud con un’uscita spericolata su calcio d’angolo.

Casasola 6.Forse le principali responsabilità sulla rete di Mancini sono le sue. Non chiude la diagonale, permettendo a Moncini di segnare in solitaria. Non si abbatte però, e si proietta in fase offensiva con costanza. Offre un assist al bacio che Bocalon non sfrutta a dovere.

Tuia 5. Si addormenta sul cross di Donkor, lasciando indisturbato Moncini che di testa fa secco Radunovic. Tanti i disimpegni sbagliati che fanno infuriare Colantuono, rischia grosso con un fallo al limite dell’area.

Monaco 6,5. Un recupero in ‘estirada’ su Moncini che vale un gol. Senza il suo intervento volante, la punta bianconera avrebbe colpito a porta vuota per il raddoppio di suoi. Mai in difficoltà contro i diretti avversari, altra prova solida.

Vitale 5,5. Non riesce a sfondare sulla corsia mancina, le poche volte che si sovrappone viene spesso ignorato dai compagni. Non soffre quasi nulla in fase difensiva, ma quanta imprecisione sui calci piazzati.

Minala 5,5. Nel primo tempo commette diversi errori in fase di disimpegno, un fallo gli costa il giallo che lo manda in diffida. Nella ripresa cala dal punto di vista fisico, non riesce a supportare la manovra offensiva quando la squadra tenta l’assalto per il pari (31’st Odjer 6. Forze fresche in mezzo al campo).

Ricci 5,5. Ritmi abbastanza compassati, perde il duello con gli avversari diretti, più lucidi e più propositivi di lui in mezzo al campo. Non riesce ad accendere la manovra della squadra.

Kiyine 6. Quando parte palla al piede semina il panico, come in occasione del palo centrato dopo pochi minuti. Nel primo tempo è il migliore per distacco, quando cambia marcia sono sempre guai per i romagnoli. Nella ripresa accusa la stanchezza e perde lucidità.

Rosina 7,5. Subito in palla, le cose migliori le fa con  il piede destro, quando sfiora la rete a più riprese. Potenzialmente letale quando agisce tra le linee, fa la barba al palo con un sinistro rasoterra. Nella ripresa si fa prima apprezzare per un recupero a ridosso della propria area di rigore, poi su calcio piazzato disegna una vera e propria gemma. Una delle sue migliori gare in granata.

Bocalon 4,5. Riesce nell’impresa di divorare tre clamorose palle gol nel primo tempo, getta alle ortiche il lavoro dei suoi compagni. Poi si incupisce fino al momento del cambio   (11’st Rossi 6. Entra con la solita voglia, si procura il fallo dal quale scaturisce il gol del pareggio granata).

Sprocati 5. Va subito vicino al gol, poi finisce per specchiarsi troppo e si assenta progressivamente dal cambio. L’unico guizzo lo regala quando salta netto Donkor, troppo poco per uno del suo peso specifico. Colantuono lo toglie all’intervallo per mettere più peso in attacco (1’st Palombi 5,5. Litiga spesso con il pallone, non riuscendo mai a impensierire la difesa avversaria).

All. Colantuono  6. La squadra crea diverse palle gol in avvio, ma si ritrova sotto dopo la prima disattenzione. I cambi danno più peso all’attacco, e pur senza brillare nella ripresa, la Salernitana trova il pari.

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *