Riccardo Bocalon Salernitana

di SABATO ROMEO

Attacco anemico. Senza bocche di fuoco e con una difficoltà immane nel fare gol. L’andamento lento della Salernitana verso l’affannosa salvezza passa anche dall’anoressia dei centravanti granata, lontani dai propri standard ma soprattutto alle prese con non poche difficoltà in questo strano girone di ritorno. Numeri per nulla esaltanti (appena 3 i gol dei centroboa campani se si escludono Sprocati e Rosina), dato allarmante e da convertire al più presto per raggiungere una salvezza vicina ma non vicinissima. Anche perché centrocampisti (5 se si conta Rosina) e i difensori (4 firmati Tuia e Casasola) in questa seconda parte di stagione hanno reso meglio dell’intero reparto offensivo.

TROPPI ERRORI – La media di un gol a partita (15 reti in 15 match) parla chiaro. E a far notizia sono soprattutto le tante occasioni sprecate nelle ultime gare ad alimentare dubbi e un pizzico di nervosismo. Al centro delle polemiche ci è finito Riccardo Bocalon, in un momento non proprio magico. Le occasioni in serie sprecate col Cesena alla traversa sul rigore con la Cremonese: per il Doge, applaudito (e tanto) per il gran lavoro spalle alle porta, non è un’annata magica sotto l’aspetto realizzato ed il momento “no” spalanca le porte a possibili novità. Perché Palombi (autore di un solo gol conteso con Rossi) non è ancora riuscito a dare il suo apporto e spera in una nuova chance dopo Bari. Così come Rossi, a secco nel girone di ritorno causa infortunio rimediato con la Nazionale Under 20 che lo ha fatto scivolare nelle gerarchie di Colantuono. E poi ci sarebbe Sprocati, capocannoniere granata con otto gol ma a secco dal derby con l’Avellino. Da allora fiato corto e prestazioni sottotono, con due esclusioni rimediate nelle ultime tre con tanto di summit con l’agente Giuffredi nel post-Cesena. Col Cittadella la chance giusta per cambiare marcia e ritornare a gioire: gol e salvezza, la Salernitana si stringe intorno ai suoi centravanti.

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *