Finisce uno dei cicli più longevi del calcio europeo. Arsene Wenger e l’Arsenal si diranno addio a giugno dopo ventidue anni a braccetto. Il francese ha comunicato la sua decisione quest’oggi con una nota pubblicata sul sito ufficiale del club londinese. Wenger lascia con un bilancio di 1228 partite – 704 vittorie, 279 pareggi e 245 sconfitte, 57,3% di successi ed una bacheca piena zeppa di trofei: 3 Premier League, 7 Fa Cup  e 6 Community Shield con l’amarezza per quella finale di Champions League datata 2006 e persa per colpa del Barcellona di Ronaldinho e Larsson.

Sono grato per aver avuto il privilegio di guidare il club in tutti questi anni – le parole di Wenger attraverso il sito -. Ho lavorato con impegno totale e integrità”. Ed ora è già corsa al successore, con Vieira, Ancelotti e Low in lizza per rimpiazzare un pezzo di storia del calcio europeo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *