La Salernitana scaccia i fantasmi, supera 4-2 il Brescia e ipoteca la pratica salvezza. Ma la vittoria sulle “rondinelle” non basta per metter fine alla contestazione contro Claudio Lotito (clicca qui per leggere l’articolo) andata in scena sia prima del fischio d’inizio che a fine gara.

La gara. La Salernitana inizia male, soffre la maggior freschezza in mediana del Brescia e fa fatica a venir fuori. Rosina prova a prenderla per mano svariando a tutto campo ma l’impegno e la fantasia del numero 10 granata non bastano per farsi vedere dalle parti di Minella. Gli ospiti, al contrario, riescono a tenere in mano il pallino del gioco, mettendo in seria difficoltà Schiavi e Mantovani che devono vedersela con due clienti scomodi come Torregrossa e Caracciolo. L’ex Trapani impiega appena 6’ per mettere i brividi a Radunovic con una conclusione a volo che si perde a lato d’un soffio. La squadra di Colantuono prova a riorganizzarsi ma è sempre il Brescia ad avere la meglio: il 18enne Tonali giganteggia in mediana, impostando la manovra con la personalità d’un veterano. Ed è proprio sugli sviluppi di un’azione manovrata che le Rondinelle sfiorano il vantaggio: Martinelli (11’) scodella al centro per Caracciolo, l’airone prende il tempo a Mantovani e colpisce di testa a colpo sicuro, costringendo Radunovic al miracolo.

Scampato il pericolo, la Salernitana si riorganizza, alza il baricentro e riesce a tenere lontano dalla propria porta i lombardi. Rosina continua a brillare e, proprio dai suoi piedi, arriva l’invenzione che sblocca il risultato: il fantasista serve nello spazio Sprocati (27’) che a tu per tu con Minelli non sbaglia. Il gol dà maggior sicurezza alla squadra di Colantuono che rischia solo nel recupero della prima frazione quando Casasola non si accorge dell’inserimento di Martinello che da posizione defilata grazia Radunovic.

Nella ripresa il Brescia parte meglio e, dopo aver tirato un sospiro di sollievo per un gol annullato a Bocalon (controllo viziato da un tocco di mano), pareggia i conti con Tonali (8’) che supera Radunovic con una conclusione dal limite potente ma centrale. Le “rondinelle”, cinque minuti dopo, hanno l’occasione per colpire in contropiede ma, stavolta, Tonali “grazia” i granata con una conclusione debole. E così, al 15’ si materializza la legge del “gol sbagliato, gol subito”. Sprocati crossa al centro per Bocalon che calcia tre volte, riuscendo a superare Minelli nell’ultimo tap-in. Tornata in vantaggio la Salernitana ha più spazi a disposizione per colpire e al 25’ trova, con un po’ di fortuna, il gol del 3-1: traversone teso di Casasola, il portiere del Brescia respinge su Zito e Bisoli e la palla termina alle sue spalle. La squadra di Boscaglia non molla e al 28’ riapre la gara con Okwonkwo, bravo a sfruttare un assist al bacio di Embalo. I lombardi tentano il tutto per tutto, ma a colpire è ancora la Salernitana: Odjer guadagna il fondo, crossa al centro per Zito che a porta vuota fa 4-2. Il calciatore granata, però, nell’esultare toglie la maglia, guadagnando la seconda ammonizione che manda su tutte le furie Colantuono (tre minuti dopo anche il tecnico sarà allontanato dalla panchina). Nel finale Bocalon ha la chance per il 5-2 ma Minelli non si fa superare. Poi, dopo il triplice fischio, c’è spazio solo per gli applausi ai calciatori e i cori anti-Lotito provenienti dalla Curva Sud.

SALERNITANA-BRESCIA 4-2

SALERNITANA (4-3-3): Radunovic, Casasola, Schiavi, Mantovani, Vitale; Odjer, Ricci (31’ st Signorelli), Kiyine (12’ st Zito); Sprocati (23’ Popescu), Bocalon, Rosina. In panchina: Adamonis, Asmah, Novella, Pucino, Akpa Akpro, Della Rocca, Di Roberto, Palombi, Rossi. Allenatore: Colantuono

BRESCIA (4-4-2): Minelli, Coppolaro (19’ st Embalo), Somma, Lancini, Curcio; Bisoli, Tonali, Ndoj (35’ st Furlan), Martinelli (22’ st Okwonkwo); Torregrossa, Caracciolo. In panchina: Pelagotti, Spalek, Meccariello, Longhi, Rivas. Allenatore: Boscaglia

ARBITRO: Pillitteri di Palermo (assistenti: Villa e Scarpa – quarto uomo: Marini)

RETI: 27’ pt Sprocati (S), 8’ st Tonali (B), 15’ st Bocalon (S), 25’ st aut. Bisoli (S), 28’ Okwonkwo (B), 37’ st Zito (S)

NOTE. Spettatori 6928 di cui 3381 abbonati. Espulso al 37’ st Zito (S) per doppia ammonizione, al 40′ allontanato Colantuono (S) dalla panchina. Ammoniti: Ricci (S), Bocalon (S), Tonali (B), Somma (B). Angoli: 4-4. Recupero: 1’ pt- 5’st

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *