La Curva Sud gli continua a cantare che «Salerno non è la Lazio». Un ritornello che nemmeno il 4-2 conquistato dai granata contro il Brescia è riuscito a cancellare. Claudio Lotito resta nel mirino della parte più calda del tifo granata che, già in occasione della partita di sabato scorso contro il Cittadella aveva contestato l’imprenditore laziale.
Un clima ostile che non ha scoraggiato il co-patron, presente sugli spalti dell’Arechi (dove c’era anche il socio e cognato Marco Mezzaroma) anche in occasione del match contro le “rondinelle”. Al triplice fischio Lotito, scortato dalla sicurezza, ha abbandonato l’area hospitality, raggiungendo gli spogliatoi dalla sala stampa. Un percorso breve, durante il quale il proprietario della Salernitana (che ha lamentato la presenza di un eccessivo numero di persone all’esterno della tribuna) ha avuto l’occasione di scambiare qualche battuta con i tifosi presenti. Qualcuno ha evidenziato l’atteggiamento di Zito, chiedendo sanzioni esemplari da parte della società per l’ingenuità commessa dal calciatore. Una tesi che troverebbe d’accordo il co-patron che ha annuito mentre guadagnava la sala stampa. Qualcun altro, invece, stringendogli la mano, ha chiesto a Lotito la serie A.
Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *