Chiusura di stagione col botto per i granatini della Salernitana Under 15, che dopo esser rientrati tra le prime dieci squadre della propria categoria con la disputa dei play-off (poi persi col Torino), quest’oggi hanno vinto il torneo internazionale “Città di Cava de’Tirreni“, dedicato alle selezioni giovanili.

I babies guidati dal mister Ernesto De Santis hanno superato in finale il Benevento, in un derby ricco di gol ed emozioni. A passare in vantaggio sono stati al 27′ i sanniti con la segnatura del numero 10 Olimpo, che dopo aver seminato il panico nella difesa avversaria, ha depositato alle spalle di Galante. Ad inizio ripresa, reazione dei granatini con Russo, il quale in area di rigore con un destro potente e preciso non ha lasciato scampo all’estremo difensore degli stregoni. Così come accaduto per tutto l’arco della stagione disputata dai ragazzi con l’ippocampo sul petto, anche quest’oggi sul manto erboso del “Simonetta Lamberti” la Salernitana non ha mai mollato ed ha provato ad imporre il proprio gioco. Con un lancio millimetrico di Citarella per il taglio di Fresa, abile ad insaccare alle spalle di Diglio, i granatini al 13′ hanno trovato anche il gol del momentaneo sorpasso, subendo però cinque minuti più tardi il pari su calcio di rigore trasformato da Strazzullo. Al 18′, dopo una bella azione di Salerno, bravissimo a sfuggire alla retroguardia sannita e a guadagnare l’ingresso in area di rigore, Citarella ha spinto in porta il gol del definitivo 3-2, che ha consentito alla Salernitana d’aggiudicarsi match e competizione.

Nel finale di gara, non sono mancate comunque le polemiche, con le proteste dei ragazzi del Benevento che reclamavano un gol per un pallone finito precedentemente sulla traversa e poi rimbalzato sulla linea di porta. Un episodio molto difficile da valutare, che soltanto la “goal-line technology” avrebbe potuto chiarire ma che la terna arbitrale di scena quest’oggi a Cava non ha ravvisato come gol. Festa grande a fine match per la compagine granata, che poi in serata ha pure alzato il trofeo, saltando e danzando al ritmo di “Despacito”, il celebre coro intonato dagli ultras della Curva Sud Siberiano.

 

 

 

 

 

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *