Nella giornata odierna, la Procura federale ha chiesto 15 punti di penalizzazione da scontare nel campionato appena concluso per Chievo Verona e Cesena. A differenza dei bianconeri di Romagna, dichiarati ufficialmente falliti nella giornata di ieri, tremano i gialloblu veneti, che col -15 si vedrebbero retrocessi in serie B.

L’accusa di plusvalenze fittizie per alcuni scambi di giocatori, infatti, ha indotto la Procura della Figc a richiedere una punizione pesante per entrambi i club. La Procura, inoltre, avrebbe chiesto anche 36 mesi di inibizione per il patron clivense Luca Campedelli, che nei giorni scorsi si era detto fiducioso circa l’innocenza del suo club in questa vicenda.

In questa situazione, che potrebbe stravolgere la griglia di partenza sia del prossimo torneo di serie A sia di quello di serie B, resta alla finestra il Crotone, che nelle scorse ore si è costituito come terzo interessato nel processo sportivo a carico del Chievo. I calabresi del patron Vrenna, retrocessi sul campo nell’ultima stagione, potrebbero essere in salvo qualora venisse confermata la pesante penalizzazione ai danni del Chievo Verona.

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *