Continua il percorso di internazionalizzazione intrapreso dalla piccola realtà editoriale campana di Mercato San Severino, in provincia di Salerno, Edizioni Paguro. Nata nell’aprile 2015 e trainata da un giovane professionista, amante della filosofia ed esperto in comunicazione e internazionalizzazione aziendale, Michele Citro, in poco più di tre anni ha saputo imporsi sul mercato libraio locale con le sue oltre settanta pubblicazioni, dall’arte alla poesia, dal romanzo d’amore a quello di formazione, dal saggio storico a quello socio-antropologico e filosofico fino ai manuali che trattano del fantastico mondo dell’animazione e dei videogiochi.

Un universo di saperi revisionati, sistemati, impaginati e stampati che ha richiesto non poco lavoro. Molti sacrifici, ma altrettante soddisfazioni, come quella di vedere esposti i propri volumi (Gio Ponti. L’infinito blu) in book store di prestigio come la Mondadori presso la Triennale di Milano nel 2017 e, attualmente, il Musée des Arts Décoratifs, nel Louvre, a Parigi. Nel 2018, inoltre, grazie all’aiuto dell’europrogettista Lucia Sessa e ad un intenso e serrato team working durato oltre quattro mesi, le Edizioni Paguro vincono un bando indetto dal Mibac e dalla Siae: “Sillumina, copia privata per i giovani, per la cultura”. Con il contributo ricevuto possono tradurre, in lingua inglese e francese, pubblicare, stampare e promuovere, sia in Italia che all’estero, il primo romanzo della trilogia epic fantasy del ventiseienne salernitano Francesco Leo: “Viktor. Il Ciclo della Rinascita”.

Dopo Parigi e Londra (University of Westminster), il volume è stato presentato anche a Malta in due location di prestigio: la sede del Vhei, il “Valletta Higher Education Institute” (Mosta Tecnopark Triq Valletta, Hal Lija), università che opera sul suolo maltese e italiano (a Solofra in provincia di Avellino) che, con il suo corso in “Comunicazione Digitale” e le sue specializzazioni in “Animazione” e “Videogiochi”, ha saputo ben interpretare le attuali esigenze e mancanze del mercato del lavoro e proporre alle nuove generazioni un’offerta formativa tanto divertente quanto professionalizzante; l’Himu (Dragonara business center Ball street, Paceville – St. Julian) che con i suoi ristoranti, i muzzarella design bar e il caseificio, è divenuto, negli ultimi anni, il faro della cultura enogastronomica campana a Malta, luogo d’incontro per gli Italiani trasferitisi sull’ “isola del miele”, e ambasciata del buono e sano gusto partenopeo ed italiano per gli stranieri.

Alla presentazione oltre all’editore Citro, sono intervenuti in ordine Don Patrizio Coppola, presidente del VHEI, il giornalista Sandro Micaleff, neo direttore del VHEI, e gli studenti del primo e del terzo anno Antonio Rosiello e Antonino Roberto Boccia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *