salernitana minala

di STEFANO MASUCCI

Da Cremona, alla Cremonese. Joseph Minala vede grigiorosso e si trasforma in bomber. Il centrocampista camerunese, tornato nel mercato invernale per la terza volta in granata, ha trovato ieri il primo centro in campionato, proprio contro la formazione di Rastelli, l’ultima squadra che il mediano scuola Lazio aveva punito, lo scorso anno. Sono passati quasi undici mesi dal gol in trasferta allo Zini, arrivato in stile fotocopia rispetto a ieri, sempre su corner dopo la spizzata di un centrale difensivo (lo scorso aprile fu Monaco a vestire i panni dell’assist-man, ieri è toccato a Migliorini), mettendo fine a un periodo poco positivo per Minala.

Fuori dagli equivoci, nel corso di questa stagione i tifosi granata non hanno ancora potuto apprezzare il vero Minala, che paga lo scotto di 6 mesi ai margini della rosa della Lazio, ma almeno la rete ha avuto il merito di sbloccare un match che si stava rivelando piuttosto insidioso, spianando la strafa al successo della banda Gregucci. Un’iniezione di fiducia per l’eroe del Partenio, che a fine partita ha speso parole d’elogio ai microfoni di Dazn nei confronti dei tifosi dell’ippocampo. “Siamo contenti per questa vittoria, anche perché è fondamentale in vista di una trasferta difficile come quella di Perugia. Continuità d’impiego? Sono contento perché il mister ha tanta fiducia in me. Io sto cercando di dare il massimo per questa maglia. Vogliamo raggiungere i playoff anche perché questo è l’anno del centenario. Siamo una squadra forte, possiamo raggiungere questo obbiettivo che ci siamo prefissati anche con i nostri tifosi». Minala si è poi prolungato sul ritorno al successo all’Arechi, che mancava dal 23 dicembre contro il Foggia.

«Ritorno alla vittoria in casa? Ci mancava. Dispiace per le tre sconfitte interne consecutive, anche perché questa maglia è dei tifosi. Questa è casa loro, e noi dobbiamo onorarla al meglio, noi siamo ospiti. Non ci fanno mai mancare il loro supporto. Ci saranno tanti tifosi a Perugia? Ne sono sicuro. Questa piazza non merita la B. Vogliamo regalare tante soddisfazioni alla nostra gente». Servirà anche il miglior Minala per riuscirci, ma all’eroe del Partenio piacciono le imprese…

 

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *