negramaro sangiorgi

di SILVIA RIZZELLO

L’attesa non ha fatto altro che caricare ancor di più di adrenalina i cuori di migliaia di fan che ieri sera hanno accolto i Negramaro al Palasele di Eboli per la quattordicesima tappa dell’Amore che torni tour indoor 2019. Dopo il sold out del Paladecò di Caserta, anche la tappa ebolitana – curata da Anni 60 Produzioni –  ha registrato un tutto esaurito per la band salentina capitanata da Giuliano Sangiorgi.

Un tripudio di voci ha fatto esplodere il palazzetto al ritmo delle note dei più grandi successi e degli ultimi inediti della band salentina. Una scaletta fittissima, aperta con “Fino all’imbrunire” e proseguita con “Ti è mai successo”, “Estate”, “Sei tu la mia città”, “Solo tre minuti”, “Nuvole e lenzuola” e tante altre canzoni che, per oltre due ore, hanno mandato in estasi il PalaSele.

Un grande e attesissimo ritorno quello dei Negramaro a Eboli che, dopo il rinvio della data a causa del malore che ha colpito il chitarrista Lele Spedicato, sono tornati sul palco salernitano ancora più carichi e con un pensiero ben radicato nel cuore. «Grazie per averci aspettato – ha detto Sangiorgi durante il concerto – e soprattutto per tutti i pensieri che avete avuto per far tornare su questo pianeta il nostro fratello Lele. È stato un miracolo».

Ed è proprio di valori di questa vita sì fuggevole che i Negramaro hanno voluto dare omaggio con la loro musica emozionando le migliaia di fan proveniente da ogni parte del Mezzogiorno. Quella terra a loro cara, cantata anche nel commovente ricordo di Pino Daniele, omaggiato con le note di “Terra mia” e “Quanno chiove”.

Un’ondata di ritmo e colori per i Negramaro che salutano il Palasele certi di un ritorno il più presto possibile.

fotogallery a cura di Alfonso Maria Salsano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *