Vincere per centrare la permanenza in B. Lo sa la Salernitana ma soprattutto Leonardo Menichini che nel ritiro di Roma sta iniziando a disegnare la squadra da presentare all’Adriatico. Niente più difesa a 3 nè squadra rinunciataria, serve portare a casa i tre punti aggredendo un Pescara alla ricerca della vittoria per mettere in cassaforte il quinto posto.

Tante le novità per una gara da non fallire, a partire dal 4-4-1-1, autentica novità. In difesa, davanti a Micai, con Schiavi fuori dai giochi, spazio a Migliorini e Gigliotti al centro, Lopez e Casasola sulle fasce. In mezzo al campo i muscoli di Di Tacchio e Moses Odjer, con Minala sempre più verso l’indisponibilità. Sulla trequarti le novità maggiori: nel terzetto alle spalle di Milan Djuric, Menichini ha provato Jallow a sinistra e Orlando a destra, con Andrè Anderson rifinitore. Scelte che sanno di novità, soprattutto per Orlando, alla “prima” da titolare nella partita che può valere una stagione. Davanti i centimetri di Milan Djuric, con Calaiò, recuperato, pronto a subentrare a partita in corso.

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *