Ricomincia da tre Leonardo Menichini. Prima la promozione in B, poi la salvezza ai playout contro il Lanciano, adesso quella con il Venezia, la più sofferta. “Il merito di questa vittoria è di Claudio Lotito. Micai voleva uscire ma il presidente l’ha convinto a restare in campo. Abbiamo sofferto, con l’espulsione di Minala che ha commesso una grande ingenuità e ci ha fatto saltare i piani. Il merito va alla proprietà che mi ha dato fiducia ed una responsabilità importante, cioè salvare una squadra in grande difficoltà. I miei applausi vanno soprattutto alla squadra che è cresciuta psicologicamente dopo un anno ad incassare critiche. Bisognava resettare tutto e dare fiducia a chi mi dava maggiore garanzie. Ho cercato di sfruttare al meglio chi era più fresco in questi centottanta minuti. Oggi non abbiamo fatto una bella partita ma la squadra era dentro la partita. Nel secondo tempo abbiamo tenuto bene, cercando di essere anche più pericolosi con Orlando più vicino a Djuric. Gli ho detto tieni duro ancora per qualche minuto perché avevo già in mente di cambiarlo con Calaiò per i rigori.
Dedico questa vittoria a mia moglie e ai miei figli Emanuele e Ilaria. Poi la dedico all’ambiente che ha capito le difficoltà della squadra e che serviva calore per centrare quest’obiettivo. In casa sono stati eccezionali. Futuro? C’era un accordo ma con calma valuteremo, ora godiamoci questa salvezza”. 

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *