Tutti in Piazza della Concordia. Il corteo degli ultras per il Centenario della Salernitana si scioglie nei vicoli della parte storica della città e raggiunge il cuore pulsante della festa. La serata è stata presentata da presentata da Matteo Amaturo e Metis Di Meo, con i tormentoni riproposti da Marcello Cirillo e l’orchestra di Demo Morselli da “Urlando contro il cielo”, “Semplice”, “Vattene Amore”.

 

Vengono ricordate tutte le glorie della Salernitana decennio per decennio, partendo dai Visentin, Scarnicci, passando per Zeoli, Fulvio De Maio, Pantani, Capone, Ciro Ferrara per poi passare agli idoli degli anni 1990 e del nuovo millennio ricordati a gran voce anche dai più giovani, con un commovente ricordo delle vittime di Piacenza: Grimaudo, Pisano, Facci, Vannucchi, Tosto, Del Grosso, Fusco, De Cesare, Breda, Bombardini, Di Napoli, Soligo, Bellotto, Ferraro, Moro fino ad arrivare a Franco Colomba, Leonardo Menichini. Presente oltre al sindaco Vincenzo Napoli e agli assessori Angelo Caramanno e Mariarita Giordano, anche il Governatore Vincenzo De Luca, che ha chiesto investimenti e programmazione alla società (CLICCA QUI): “Meritiamo rispetto“, incamerando anche la voglia di serie A della città.

Nel mezzo il grande bagno di folla, (ieri erano migliaia i tifosi accorsi a Piazza della Concordia), e il clima cordiale tra i calciatori, con scherzi e selfie con protagonisti De Cesare, Bombardini e Di Napoli, ed è stata l’occasione per tanti compagni di squadra di ritrovarsi e ricordare gioie e dolori vissuti nell’epopea granata. Il finale è riservato ai fuochi d’artificio che illuminano la città e chiudono la festa. Ora spazio all’esibizione di Beach Soccer a Santa Teresa tra le vecchie glorie.

 

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *