Il lampo di Lamin Jallow sul finire del primo tempo e poco altro. La Salernitana chiude il ritiro di San Gregorio Magno con un pari deludente contro il Picerno, non tanto per il risultato quanto per quello mostrato in campo. Tanta confusione, poche giocate degne di nota, e forse la definitiva presa di coscienza che per sognare servirà muoversi con decisione sul mercato. A funzionare nel primo tempo è solo la catena di sinistra, con Kiyine e Maistro tra i più vivi nel 3-5-2 disegnato da Ventura. Proprio da una loro azione nasce l’1-0 di Jallow, che al 45’ trova un gran gol dalla distanza, con un tiro di colpo esterno che si infila vicino al palo.

Nella ripresa il tecnico granata rivoluziona la squadra, lanciando in avanti Djuric e Calaiò, ma a tenere il pallino del gioco sono i lucani, che prendono coraggio con il passare dei minuti. A siglare il pari è Calabrese, che a pochi minuti dal triplice fischio regala l’1-1 finale. Finisce con uno scialbo pari il ritiro della Salernitana a San Gregorio Magno, davanti a 1500 tifosi circa e sotto una pioggia battente, in attesa del triangolare di giovedì con Bari e Reggina e di buone nuove dal mercato.

Notizie Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *